Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno

Sommario

Oratorio Arcobaleno

Il popolo delle 5.40

Settimana di convivenza per gli adolescenti presso casa delle suore.

gruppo adolescenti ai fornelli

Coesione tra i giovani, nuove amicizie, presa di coscienza delle proprie scelte e acquisizione di responsabilità e indipendenza. Sono stati questi gli obiettivi della “settimana di convivenza” che si è svolta da domenica 29 marzo a domenica (delle palme) 5 aprile presso la “Casa delle suore”: una banda di adolescenti bornesi ha vissuto insieme, condividendo ogni cosa, dal risveglio mattutino ai pomeriggi di studio, dalla cena all’attività serale, senza dimenticare la scuola e i soliti impegni che occupano normalmente la giornata. Il tutto sotto la vigilanza del buon don Alberto e degli animatori.

La proposta è stata accolta con entusiasmo dai ragazzi, nonostante i genitori abbiano avuto qualche (comprensibile) riserva: “Convivenza?” “E lo studio?” “Ma per i pasti come fate?”.

Già l’organizzazione sembrava un’impresa: doversi trovare per stabilire i vari turni per preparare la colazione, il pranzo e la cena, e trovare una combinazione che ci permettesse di mantenere, comunque, i nostri impegni serali, come gli allenamenti, le lezioni di scuola guida e lavori vari.

Iniziata l’avventura, abbiamo dovuto fare subito i conti, la prima mattina, con gli orari di risveglio (dialogo tra due partecipanti al risveglio, alle 5.40: “Svegliati, svegliati!”... “eeeh, sono 5 e 40?” “sì!” “noooooooooooo!”) e senza la mamma che ci preparava la colazione.

Arrivati poi da scuola, ci si dedicava allo studio o a dei lavori per la comunità. Impegni quotidiani permettendo, poi, si cenava e si passava la serata in compagnia, tra film, tornei di mùra e bina, altro studio. L’esperienza della settimana di convivenza si è conclusa con la partecipazione del gruppo alla Veglia delle Palme notturna a Brescia e l’ascolto dell’intervento del vescovo Monari: un momento di grande riflessione, oltre che di comunione e unione tra noi ragazzi.


Sicuramente l’esperienza ha contribuito alla crescita personale di ognuno. Dover rendere conto di quello che facevamo quando uscivamo ai prefetti (due ragazzi del gruppo che avevano la responsabilità su tutta la casa per una giornata), è stato un modo per acquisire maggiormente il senso del rispetto reciproco. Dover collaborare tra di noi e convivere 24 ore su 24 con persone con cui si passano solamente poche ore durante gli incontri, è stato un modo per instaurare nuove amicizie e rafforzare quelle vecchie.

È stata dura, certo! Ma sicuramente è stata un’esperienza divertentissima e unica, oltre che produttiva e costruttiva, un'esperienza da rifare!


Estate 2009


Arcangelo Tadini
Santi delle nostre terreL...

copertina cuntomela

copertina

gruppo adolescenti
Oratorio ArcobalenoUna so...

tutti gli articoli

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)