Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno

Sommario

ripensandoci

Anno dell'astronomia e fascino del cielo

Il corrente anno è stato proclamato dalle Nazioni Unite l'Anno dell'Astronomia, in ricordo dei 400 anni dell'invenzione del cannocchiale da parte di Galileo Galilei e delle prime scoperte da lui fatte nei cieli, puntando verso le stelle quel nuovo strumento.

È pertanto l'anno del ricordo della nascita ufficiale dell'astronomia in senso moderno. Anche nei secoli prima di Galileo vi erano state qualificate e non poche osservazioni del cielo (basti pensare alla trigonometria tolemaica o, più tardi, allo studio delle comete e della fluidità dei cieli), ma il telescopio permise di andare ben oltre, di vedere realtà sconfinate non visibili a occhio nudo e di andare più in profondità negli spazi siderali. Cosi Galileo scopri che le stelle sono enormemente più numerose di quelle che si vedono a occhio nudo; scoprì inoltre i satelliti di Giove, le montagne della Luna, le macchie solari...

Obiettivo di questo evento culturale - che coinvolge circa 140 Nazioni - è incoraggiare una rinnovata consapevolezza del posto occupato dall'uomo nell'universo e invitare tutti a sperimentare la meraviglia e lo stupore che nascono dall'osservazione del cielo.

Tra i Paesi promotori dell'iniziativa dell'Anno Astronomico c'è l'Italia, che l'ha lanciata attraverso l'Unione Astronomica Internazionale. Anche la Santa Sede partecipa mediante la Specola Vaticana e il Pontificio Consiglio della Cultura, che considera quest'anno un'occasione privilegiata per approfondire il dialogo tra scienza e fede.

Questa ricorrenza è un invito a guardare il nostro cielo di Lombardia che - come scrive Manzoni - “è cosi bello quand'è bello, cosi splendido, cosi in pace!”. Un invito a puntare gli occhi verso il cielo stellato, in una notte fonda, senza avere la pretesa di numerare tutte le stelle.

Il cielo stellato ha sempre rappresentato per l'uomo, fin dagli albori della civiltà, uno spettacolo affascinante che suscita emozioni profonde e induce a pensare.

I cantori del cielo delle diverse epoche hanno sempre trovato attraente la volta stellata, ma anche sorgente di emozioni trascendenti ed orizzonte in cui si rispecchia il mistero del divino e dell'umano.

Per il salmista, “i cieli narrano la gloria di Dio” (Salmo 19). La contemplazione del firmamento ha fatto esclamare a San Francesco: “Laudato sii, mi Signore, per sora lune e le stelle, in cielu l'hai formate clarite et pretiose et belle" (Cantico delle creature, versi 10-11).

Accanto al Santo di Assisi, la voce più alta e quella di Dante che, nella Divina Commedia, nomina il cielo ben 172 volte e termina tutte e tre le parti del suo poema con la parola “stelle”. Infatti chiude la Cantica dell'Inferno con “e quindi uscimmo a riveder le stelle”, e la seconda Cantica, quella del Purgatorio, con l'espressione: “salire alle stelle”; l'ultima riga del Paradiso è: “l'Amore che muove il sol e l'altre stelle”.

Nel nostro tempo si contempla poco il cielo stellato, anche se nel linguaggio quotidiano citiamo spesso il cielo: “Apriti cielo!... Santo cielo!... Non sta né in cielo né in terra!... Per amor del cielo!... Che il ciel m'aiuti!... Toccare il cielo con un dito... Volesse il cielo!...” eccetera. A forza di guardare continuamente a destra o a sinistra, si dimentica di guardare in alto e, quello che è peggio, si corre il rischio di smarrire la strada per il cielo.

Il filosofo e pensatore Immanuel Kant, nella sua opera “Critica della ragion pratica” ha scritto: “Due cose riempiono l'animo di ammirazione e di reverenza sempre nuove e crescenti, quanto più spesso e a lungo il pensiero vi si sofferma: il cielo stellato sopra di me e la legge morale in me”.

Se l'Anno dell'Astronomia ci porterà a soffermarci pensosi qualche sera a contare nel cielo le stelle ed a ammirare gli infiniti spazi del firmamento, l'iniziativa avrà raggiunto il suo vero successo.

Card. Giovanni Battista Re


Pasqua 2009


deco
ripensandoci Il saluto e ...

copertina cuntomela

copertina

deco
La forza della vita nella...

tutti gli articoli

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)