Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno torna inizio

Editoriale

A differenza di chi vive in città, nei prati e lungo le vallate delle nostre montagne, a volte, abbiamo ancora l'occasione di vedere pastori che conducono e vegliano il proprio gregge, sia sotto il sole che nei giorni di pioggia.

Per molti, forse, sarà un'immagine arcaica. Per altri l'idea della massa che si muove solamente al comando di qualcuno che sta sopra, potrà sembrare mortificante per la creatività e l'originalità che ognuno può e deve scoprire dentro di sé; potrà essere in contraddizione con il concetto di democrazia secondo il quale le decisioni devono essere condivise da tutti. Proprio quel concetto che, pur presentando istanze vere quali la pari dignità delle persone, spesso riduce e appiattisce tutto di nuovo ad una massa, ad una questione di numeri, facendo passare per vero, buono e giusto solo ciò che - più o meno apparentemente - viene fatto decidere dalla maggioranza.

don francesco in chiesa

La realtà quotidiana, tuttavia, ci mostra che nelle famiglie, nei rapporti educativi, nei cori canori sono sempre necessari genitori, educatori, maestri che guidano, insegnano, dirigono. Solo così si ama, si cresce e si possono ascoltare le vere melodie della vita, quelle in cui anche le voci diverse e i solisti riescono ad armonizzarsi in un'unica direzione.

Ecco allora che l'immagine del gregge è tuttora l'unica capace di esprimere il cammino di una comunità, il cammino della stessa Chiesa, specialmente quando lo sguardo del pastore e quello dei fedeli puntano entrambi in un unica direzione, verso l'unico e vero Pastore che conduce alla fonte della salvezza.

Ogni cammino può riservare imprevisti, piccoli o grandi ritardi, come testimonia anche l'uscita posticipata di questo numero di Cüntómela della quale ci scusiamo. A volte lungo la strada, invece degli osanna, si possono ricevere accuse, sputi, insulti come ci ricorda l'articolo del card. Re sul difficile momento che sta vivendo la Chiesa e lo stesso Papa Benedetto XVI.

Ma se mediante la preghiera e la guida dei pastori perseveriamo nel nostro cammino, se anche nei giorni di pioggia, quando vorrebbero indurci a vedere solo l'oscurità del male che purtroppo c'è, riusciamo a tenere puntato il nostro sguardo verso Colui che hanno trafitto, il nostro cuore sarà ancora invaso dal timore che si tramuta in gioia per l'unica notizia davvero straordinaria: Cristo è risorto!

La redazione


 

 La Pasqua del Signore >>>



Aprile 2010

copertina cuntomelaAprile 2010
Clicca per ingrandire la copertina.

Aprile 2010 - tutti gli articoli

S O M M A R I O

ripensadoci

ripensado... alla vita

Ben arrivato don Francesco

dalle missioni

Oratorio Arcobaleno

di tutto un po'

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)