Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno

Sommario

Una piazza antica… un nuovo nome!

Non è compito dei politici e degli amministratori in quanto tali emettere giudizi storici sulle vicende e sui personaggi del passato: è compito degli storici. Pertanto le vie e le piazze che sono state “battezzate” nei temepi andati è giusto che conservino i loro nomi. A meno che…

piazza Giovanni Paolo II

La piazza centrale di Borno è stata per secoli la Piazza; diventerà Piazza Umberto I a seguito dell’omicidio del sovrano nel 1900: un re mediocre che condivise decisioni orribili di suoi subalterni. Ma allora si decise così. Il 24 giugno del corrente anno, in occasione della festa patronale di S. Giovanni Battista, l’Amministrazione comunale ha proceduto ad una nuova intitolazione della piazza, dedicandola a Giovanni Paolo II, alla presenza del Card. Giovanni Battista Re. La decisione era già stata presa dalla precedente amministrazione presieduta dal sindaco Elio Arici; nonostante le successive vicissitudini amministrative, la pratica aveva proseguito il suo iter, completato nell’ultimo periodo per le incombenze relative ai residenti in loco.

piazza Giovanni Paolo II

E ritoniamo all’iniziale… a meno che! Non si cambiano i nomi delle vie e delle piazze a meno che nel frattempo non sia accaduto qualcosa di straordinario, ed è proprio il caso della piazza centrale di Borno. Il 19 luglio 1998, esattamente 14 anni fa, in quella piazza e nel contiguo sagrato si celebrava un avvenimento che a Borno non si era mai verificato e che, probabilmente, non si realizzerà mai più: un Papa era venuto in visita al piccolo Paese!

Quel giorno, era di domenica, rimanemmo tutti per un bel po’ col naso per aria, con lo sguardo ficcato nell’azzurro tenero del cielo mattutino, fino a quando, sulla linea dell’orizzonte, delineato dalle nostre montagne, non comparve un puntino che andò rapidamente ingrandendo, accompagnato dal rumore delle pale: era l’elicottero che portava l’illustre Ospite. Quando fu atterrato al piazzale della Dassa, si aprì il portellone e apparve un omino già un po’ curvo: apprendemmo poi che era anche un po’ malato, ma quell’omino era vestito di bianco ed era un papa: era il Papa!

piazza Giovanni Paolo II

Nella memoria dei Bornesi presenti all’avvenimento, dovrebbe essere rimasto un fotogramma assai significativo, assai esplicativo di quanto stava accadendo. Ai piedi della scaletta dell’elicottero c’era, ad attendere il Papa, Sua Eminenza il Cardinale Giovanni Battista Re.

Fermiamo questo fotogramma: c’era un Papa e c’era il suo Cardinale; c’era un Cardinale e c’era il suo Papa! È un gioco di parole?! Non credo: è il fotogramma che ci spiega come mai si stava avverando quello che mai nessuno avrebbe potuto immaginare. Forse mai nella storia del papato si era realizzata una così intensa simbiosi tra un Papa e un Cardinale: una vicinanza basata su una fede semplice ma profonda, su un’intesa intessuta di devozione da parte dell’Uno e gratitudine da parte dell’Altro, che lo considerava il suo più fedele collaboratore.

E il Papa attraversò le vie del piccolo paese, entrò in una piccola chiesa di montagna per pregare e poi si affacciò sul piccolo sagrato e sulla piazza, gremiti di folla, per lanciare al mondo il suo messaggio. Per quel giorno, il cuore della Cristianità pulsò a Borno; per quel giorno, da tutta la Cristinità si volse lo sguardo a quel piccolo Paese; per quel giorno da molti angoli del mondo ci si sarà chiesto come mai un Papa era finito in un paesino che sulla superficie terrestre non è nulla più che una punta di spillo!

L’anno prossimo sarà il 15° della venuta del Papa: forse è il caso di incominciare a pensare come onorare tale data. Forse per quell’occasione anche Sua Eminenza ci racconterà come è potuto accadere che un Papa sia venuto a Borno!

Francesco Inversini


Estate 2012


don lino con p. defendente
Don Lino (ri)arrivato in ...

copertina cuntomela

copertina

cresime borno
Sante Cresime

tutti gli articoli

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)