Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno torna inizio

La parola del PARROCO

La SANTA PASQUA annuncio di speranza

don francesco

La parola del parroco all’inizio del nostro bollettino parrocchiale è spesso per augurare alle nostre famiglie ogni bene nella ricorrenza che celebriamo ed anch’io oggi porgo a tutti voi gli auguri di una Santa Pasqua. E gli auguri hanno un senso proprio perché la S. Pasqua porta con sé qualcosa di nuovo, di migliore, di più bello di prima.

Essa infatti inaugura ogni anno un tempo nuovo, un mondo proiettato in avanti, un futuro che in Cristo Risorto coinvolge ogni creatura e l’universo intero. La Pasqua è la “Bella Notizia” che a Dio nulla è impossibile e che il Padre ama tanto il Figlio da cambiare le sorti di questo suo Gesù, traendolo dal vortice della morte fin su, in alto alla luce della vita. E come per il suo stesso Figlio il Padre vuole sia così anche per noi, nonostante non meritiamo per nulla un dono così grande. Ma la Pasqua è il segno forte del potere senza limiti del Padre, del SI del Padre che vince tutti i NO degli uomini pronunciati nell’inganno del Demonio, l’effimero vincitore contro di noi di qualche battaglia ancora, ma sconfitto per sempre nella guerra per la vita, con Cristo Salvatore.

La Pasqua è una “Bella Notizia” perché la novità è entrata ormai nella nostra vita. Dalla resurrezione di Gesù infatti viene anche il suo dono più bello: lo Spirito Santo che fa nuove tutte le cose e dà speranza e fiducia al nostro essere ed agire nel mondo perché la storia con Gesù Cristo è cambiata e può aprirsi con stupore al destino di eternità e bellezza che l’aspetta.

Questo noi lo crediamo dal profondo del cuore lo annunciamo soprattutto a chi è incerto e debole, a chi è schiacciato dal peso della vita, a chi è sfiduciato da tante esperienze di fallimento e di sconfitta.

Questo noi lo diciamo perché crediamo che la resurrezione di Gesù non è una semplice rianimazione per morire ancora, non è per nulla un fatto simbolico o spirituale, ma anzi è un evento reale, concreto, storico, tangibile, che apre misteriosamente alla realtà divina.

Questo noi lo diciamo perché crediamo che la resurrezione riguarda la carne, il corpo di carne e non l’anima e lo spirito dell’uomo. E così anche noi uomini di carne ne siamo coinvolti e con l’uomo Gesù entriamo anche noi in una condizione di novità, una condizione ultima, definitiva, che è la condizione dei Beati che contemplano Dio in cielo.

Noi dunque, con la S. Pasqua annunciamo la speranza, una speranza viva in virtù del Risorto, una speranza che non trova la sua meta in una vita eterna astratta ed impersonale, bensì in un incontro caldo ed avvolgente con il nostro Dio che sazia ogni desiderio di pace, giustizia, vita e felicità.

Questo hanno annunciato i testimoni dell’incontro con il Risorto e questo è chiesto anche a noi che abbiamo creduto: dare testimonianza di Colui che fu testimone di come la vita ha vinto la morte.

Al di là della visione atea o sentimentale e materialista che il mondo di oggi dà della Pasqua, il mio augurio è che ciascuno possa farsi annunciatore della speranza che arde nel suo cuore, della bellezza che sprigiona dal corpo glorificato di Gesù risorto, della carità cristiana che si fa vita fraterna nel nome e per riconoscenza verso Colui che ci ha mostrato con la vita uno straordinario modo di amare la vita, perdendola, affinché tutti noi l’avessimo ad acquistare per sempre e fossimo finalmente salvi.

Auguri dunque di una buona e Santa Pasqua.

Don Francesco


 

 Attentato terroristico a Parigi >>>



Pasqua 2015

copertina cuntomelaPasqua 2015
Clicca per ingrandire la copertina.

Pasqua 2015 - tutti gli articoli

S O M M A R I O

La parola del Parroco

Cüntòmela per riflettere

cüntòmela a Borno

cüntòmela a Ossimo Inf.

cüntòmela a Ossimo Sup

cüntòmela a Lozio

cüntòmela con i missionari

cüntòmela di tutto un po'

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)