Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno torna inizio

La parola del PARROCO

IL SIGNORE È VERAMENTE RISORTO ALLELUIA

Surrexit Dominus Vere. Alleluia! Il Signore è Veramente Risorto. Alleluia. Alleluia.

Gesù risorto Don Francesco

È l’antichissimo saluto del giorno di Pasqua che i cristiani si scambiavano dopo aver celebrato la Veglia di Resurrezione e contiene in sé molte verità.

Con questo saluto Gesù è riconosciuto, nella forma della professione di fede, come il Signore, cioè colui che vince sopra ogni cosa, colui che sconfigge il male, colui che avendo eliminato la morte porta con sé la vita immortale.

Il saluto dice anche come Gesù è diventato il Signore: resuscitando dai morti. Contro la convinzione che con la morte il futuro sarebbe stato solo tenebra e buio fino alla ricapitolazione finale, Gesù risorgendo da morte, fa irrompere la luce nel buio degli Inferi e dà al futuro una prospettiva luminosa di vita e di liberazione.

Se la morte causata dal peccato ci ha tolto l’alito vitale, la libertà, la luce e la gioia, la resurrezione ci riporta alla vita immortale, un tempo perduta. E questo saluto del giorno di Pasqua dice anche che Gesù è veramente risorto e veramente è il Signore del cielo e della terra.

La resurrezione infatti porta con sé i segni della novità, del rinnovamento, del cambiamento straordinario che stravolge la staticità del passato.

Gli apostoli riescono a parlare con una franchezza quasi spavalda, senza paura davanti ai potenti. I primi cristiani si espongono fino al martirio nel nome di colui che è tornato dai morti. La piccola comunità dei discepoli si diffonde, contro ogni logica, soltanto annunciando Gesù Cristo morto e risorto.

La Chiesa esce dalla paura e si fa missionaria, si fa testimone degli eventi di Gerusalemme affermando che non furono un mito, delle favole infantili o racconti senza fondamento, ma furono una realtà: “Surrexit Dominus Vere”.

Tutto questo è accaduto per l’opera dello Spirito Santo che si distese su quei primi cristiani, disposti a sovvertire la logica religiosa del tempo, a mettere Gesù uomo e Dio nel più alto dei cieli, proprio alla destra del Padre. La Santa Pasqua sia per noi l’evento annuale in cui si rinnova questa sorprendente novità che illumina la vita di noi uomini ed il mondo intero.

Nel celebrare la resurrezione anche noi, come i primi cristiani, rinno- viamo con forza e convinzione la professione di fede in Gesù, l’Uomo-Dio morto, risorto e glorificato, affinché l’umano potesse essere elevato alla bellezza senza pari del divino.

Gettiamo lo sguardo senza timore verso le altezze del cielo ed acquisterà senso anche il nostro ancora faticoso pellegrinare in terra. Scopriremo che non ci attendono più le tenebre di un’esistenza grigia e senza gioia, ma la liberazione da ogni forma di malefica schiavitù e la trasformazione gloriosa anche del nostro corpo, riverberante la bellezza straordinaria di Dio.

Buona Pasqua e tanta gioia dunque, con il saluto antico e sempre vero “Surrexit Dominus Vere. Alleluia - Il Signore è Veramente Risorto. Alleluia. Alleluia.”

Don Francesco


 

 La Veglia Pasquale madre di tutte le veglie >>>



Pasqua 2017

copertina cuntomelaPasqua 2017
Clicca per ingrandire la copertina.

Pasqua 2017 - tutti gli articoli

S O M M A R I O

Parola del Parroco

Cüntòmela per riflettere

Cüntòmela a Borno

Cüntòmela a Ossimo Inf

Cüntòmela a Ossimo Sup

Cüntòmela a Villa di Lozio

Cüntòmela a San Nazzaro di Lozio

Cüntòmela con i Missionari

Cüntòmela di tutto un po'

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)