Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno torna inizio

Cüntòmela PER RIFLETTERE

DIECI PAROLE SULLA PASQUA

risurrezione
Raffaelino del Garbo, Resurrezione 1510

Pasqua di risurrezione: “Non abbiate paura! Voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso. È risorto, non è qui” (Mt 16,6).
Quando noi confessiamo che Cristo è risorto, non ci riferiamo semplicemente alla tomba trovata vuota dalle donne il mattino di Pasqua, ma che Egli vive in eterno, per fare dono anche a noi della vita che non avrà mai fine.

Pasqua di gloria: "Era necessario che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria" (Lc 24,26).
Nella Pasqua, guardando a Cristo crocifisso e risorto, noi annunciamo che la morte non è ultima parola dell’esistenza umana. Anche se i nostri sacrifici sembrano infruttuosi, quanto di buono e di amore abbiamo seminato nella vita diventerà Pasqua di gloria.

Pasqua del Signore: "Abbiamo visto il Signore" (Gv 20,25).
Quando riconoscono il Signore risorto, i discepoli lo chiamano “Signore”. Con questo titolo vogliamo affermare che Egli è il fondamento della vita, della storia e del mondo. Egli è la salvezza presente e futura per ogni uomo.

Pasqua eucaristica: “Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero nello spezzare il pane” (Lc 24,35).
Il Cristo risorto si incontra nell’Eucaristia. Partecipando alla santa Messa si fa la stessa esperienza dei discepoli di Emmaus: si aprono gli occhi del cuore e si vede Dio in ogni cosa.

Pasqua della vita: “Cristo è risorto dai morti, primizia di coloro che sono morti" (1 Cor 16,9 ).
La Pasqua ci invita a non cercare tra i morti Colui che è vivo. La vita del credente non è solitudine angosciante, ma un'esperienza condivisa con il Risorto. Ora sappiamo che veniamo da Dio, che siamo fatti a sua immagine e che la nostra vocazione è quella di "riprodurre le caratteristiche di Cristo.” (Rm 8,29).

Pasqua di santificazione: “A chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi” (Gv 20,23).
Cristo ha voluto che la Chiesa fosse segno e strumento del perdono e della riconciliazione che ci è stata ottenuta a prezzo del suo sangue per una Pasqua santa.

Pasqua di gioia: “I discepoli gioirono al vedere il Signore” (Gv 20,20).
I cristiani non sono discepoli di un morto, ma di un Risorto. La gioia pasquale dà il senso vero alla vita del cristiano. Nonostante le croci e le sofferenze della vita, la fine sarà sempre e inevitabilmente la gioia vittoriosa della Pasqua di risurrezione.

Pasqua di pace: “Pace a voi” (Gv 20,21).
Il primo dono del Signore risorto è la pace, offerta ai suoi discepoli. È possibile portare la pace, offrire la pace; una pace traboccante che nasce sempre dal possesso di Dio e dalla sua grazia e che si manifesta nella tranquillità dell’animo, nell'integrità del corpo, nella felicità piena, nella garanzia del cielo. Pace con Dio, pace con i fratelli, pace con se stessi, pace con il creato perché Cristo è la nostra pace.

Pasqua missionaria: “Come il Padre ha mandato me, così io mando voi" ( Gv 20,21).
Chi vive della fede e della gioia pasquale non può rimanere indifferente al mondo. Siamo un popolo “in uscita” verso il mondo e gli uomini. La Chiesa del Signore è tanto più Chiesa quanto più sarà aperta all’evangelizzazione del mondo per una vera Pasqua di risurrezione.

Pasqua di comunione: “Venne Gesù e stette in mezzo a loro" (Gv 20,19).
La vita comunitaria non consiste nello stare semplicemente insieme, o collaborare per svolgere un compito di carattere sociale o apostolica, ma per essere veramente uniti con Cristo e tra di sé. La comunità rende presente Cristo Risorto, ieri oggi e sempre.

Don Simone


<<< Campane a festa 

 Gioia anche per le nostre comunità >>>



Pasqua 2018

copertina cuntomelaPasqua 2018
Clicca per ingrandire la copertina.

Pasqua 2018 - tutti gli articoli

S O M M A R I O

Cüntòmela per riflettere

Cüntòmela a Borno

Cüntòmela a Ossimo Inf

Cüntòmela a Ossimo Sup

Cüntòmela a Villa di Lozio

Cüntòmela a San Nazzaro di Lozio

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)