Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno

Sommario

DALLE COMUNITÀ - Lozio

UNA BELLA LETTERA DA VILLA MOZART

chiesa san nazaro lozio

Gentili lettori,
sono da qualche tempo ospite della residenza per anziani Villa Mozart di Lozio e, dato che la nostra bravissima animatrice Mascia e Il nostro Don Paolo ci hanno detto che anche noi facciamo parte di questa Comunità e Parrocchia, mi sembra doveroso che ci facciamo conoscere e lasciamo qualche testimonianza sul nostro vissuto qui.

Anzitutto siamo una piccola comunità e siamo qui, nella residenza, perché, essendo ammalati, abbiamo bisogno costante di aiuto, sostegno e conforto.

Viviamo in una valle meravigliosa circondata da bellissime montagne contornate da pinete e boschi di conifere e possiamo godere di uno splendido panorama e respirare aria pura.

Essendo tutti anziani e invalidi, abbiamo poche possibilità di conoscere la zona e partecipare alle innumerevoli funzioni e manifestazioni che si svolgono sul territorio, ma ci teniamo informati grazie ai volontari e alla nostra animatrice che ci proietta alcuni filmati, condivide le novità e, quando è possibile, ci accompagnano personalmente a visitare il territorio e nella bellissima Chiesa dedicata ai SS. Nazzaro e Celso, adiacente alla struttura, per partecipare alla Santa Messa. Purtroppo, negli ultimi mesi, a causa della pandemia, non possiamo più uscire e di questo siamo molto dispiaciuti. Domenica 26 luglio, infatti, in occasione della festa dei nostri Santi Patroni Nazzaro e Celso e di tutti gli anziani della comunità, non abbiamo potuto partecipare alla funzione. Abbiamo però ricevuto la gradita sorpresa del Vicario Episcopale Don Carlo Tartari, che ci ha salutato e benedetto al suono festante delle campane suonate, per l’occasione, da un bravissimo e giovanissimo campanaro: Eric Procaccianti Ringraziamo la Parrocchia del bel regalo che ci ha fatto.

Tornando al racconto della nostra vita a Villa Mozart, nelle ventiquattr’ore siamo accuditi da medici, da bravi infermieri e da validi operatori. La casa è molto accogliente, ma come tutti gli anziani sentiamo la mancanza della famiglia e della casa e ci fa piacere quando i volontari, i sacerdoti, i nostri familiari, i bambini, il Coro e gli Alpini vengono a trovarci e ci portano un sorriso, una carezza e ci fanno sentire ancora amati.

Prima dell’emergenza sanitaria, durante la settimana, sempre con la nostra animatrice, svolgevamo nel salone animazione molte attività: feste, vari esercizi e giochi per aiutarci a conservare la nostra poca memoria, musicoterapia, canto con la fisarmonica, (alcuni anziani hanno ancora una gradevole voce e cantano con piacere), molta pittura, cartelloni e lavoretti legati alle stagioni e alle festività che facevamo anche con i bambini della scuola materna di Lozio (molto allegri, bravi ed educati). Adesso, con le limitazioni e il distanziamento sociale imposto, ci ritroviamo comunque in piccolo gruppo nei nostri nuclei per svolgerle.

Non manca il movimento: facciamo ginnastica dolce e balliamo per tenerci un po’ in esercizio e per quelli che possono, anche attrezzistica o riabilitazione in palestra con gli ottimi fisioterapisti, il signor Mauro e la signora Marta.

Avrei molte cose ancora da dire, specialmente sui bambini che, quando vengono a trovarci, con la sola loro presenza e la loro vivacità ci aiutano a dimenticare, almeno per qualche momento, i nostri vari guai e ci fanno giocare e sorridere felici. Ci mancano tantissimo e speriamo quanto prima di poterli riabbracciare!

Un ringraziamento ai nostri pochi ma preziosissimi volontari che non possiamo vedere da mesi, ma che ricordiamo sempre con affetto e gratitudine: Franca, Angela e Fortunato, Pierino, Marinella, Domenica, Mina: senza di loro molte attività ed uscite sul territorio non riusciremmo a farle così bene! Hanno sempre una parola di conforto, una battuta, una carezza o un abbraccio per noi.

Nella speranza di poterci incontrare, vi invio, anche a nome di tutti gli ospiti della residenza, un caro saluto e un arrivederci a presto (se il Signore vorrà).

Sig. Antonia Picinelli (classe 1927)

È stato davvero bello leggere queste righe della Signora Antonia. La redazione di Cüntòmela le fa i complimenti e la invita a diventare corrispondente ufficiale da Villa Mozart!


Estate 2020


festa anziani lozio
ANZIANI FESTEGGIATI CON I...

copertina cuntomela

copertina

s. cristina lozio
SANTA CRISTINA: il ricord...

tutti gli articoli

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)