Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno Parrocchia san Giovanni Battista - Borno

Sommario

Missione popolare

LA MISSIONE POPOLARE CHE VERRÀ: TEMPO DI ATTESA, TEMPO DI GRAZIA

PREGHIERA PER LA MISSIONE

O Padre, nessuno può arrivare a Gesù se tu non lo attiri. Risveglia in noi il desiderio dell’acqua viva, del pane vero, della parola di vita eterna, di essere con Cristo che ci chiama amici.
Signore Gesù, abbiamo piedi, ma ci mancano strade vere, camminiamo senza orientamento e senza meta. Tu che sei la Via che conduce al Padre trasforma il nostro viaggio di vagabondi in un pellegrinaggio verso il Regno eterno.
Spirito Santo, sei Dio dentro di noi, più vicino a noi di noi stessi, fa che non parli in noi la nostra tenebra ma che assaporiamo nella gioia di essere amati dal Padre e dal Figlio.

Marco Busca
Vescovo di Mantova

logo missione popolare

Carissimo don Paolo
e carissimi fedeli delle comunità parrocchiali

dell’Unità Pastorale di Borno-Lozio-Ossimo

Un caro saluto e un augurio di serena estate da noi Missionari Oblati di Maria Immacolata di Passirano. A questo punto dell’anno, avremmo dovuto aver già condiviso con voi le esperienze delle Missioni Popolari nelle parrocchie di Lozio e Ossimo nei mesi di marzo e maggio ed essere in attesa di dare la miccia alla Missione Popolare a Borno, che si sarebbe dovuta tenere a partire dal 26 settembre fino all’11 ottobre. La pandemia per coronavirus ha cambiato le carte in tavola: ci ha obbligato a rinviare queste esperienze di evangelizzazione. Come probabilmente già sapete, abbiamo riprogrammato il tutto per il prossimo anno pastorale 2020/21. Dialogando con don Paolo e in ascolto dei Consigli Pastorali delle vostre parrocchie, abbiamo pensato di svolgere le Missioni Popolari nelle seguenti date:

parrocchie di Lozio
dal 20 al 28 febbraio 2021

parrocchie di Ossimo
dal 10 al 21 marzo 2021

parrocchia di Borno
dall’1 al 16 maggio 2021

Come abbiamo già scritto a voi parrocchiani di Villa e Laveno nel mese di aprile, dopo che la Missione popolare prevista per la fine di marzo e i primi giorni di aprile era stata sospesa, siamo tutti chiamati a sperimentare nella fede, che avvertiamo come il dono più prezioso, l’atteggiamento della “pazienza - segno della maturità della fede di una comunità - perché, forse, il Signore ci vuole più consapevoli del dono che vuole offrirci, venendoci incontro con l’azione straordinaria della Missione popolare (…). Tempo di pazienza e di attesa, che non può non conciliarsi con l’esperienza della speranza. Il rinvio della Missione lo vogliamo avvertire come un’occasione unica per lasciarci abitare dalla speranza. Cioè? Avvertire nell’anima che il Risorto ci accompagna e ci abita, ci precede e ci attende, comunque”.

Di certo questo è un tempo di preghiera e di riflessione che ci deve preparare alla Missione popolare. Inoltre siamo tutti consapevoli che le prossime Missioni Popolari dovranno tenere conto dell’esperienza che tutti abbiamo provato con la pandemia. L’annuncio del vangelo non può sorvolare sui nostri problemi e sulle sfide sociali che dobbiamo affrontare quotidianamente. L’annuncio evangelico è contrassegnato dall’amore di Dio e dal suo fine, quello di salvare, di togliere dal male, di dare speranza all’esistenza di ciascuno di noi e di tutti noi insieme, per generare continuamente la grande famiglia umana nella logica del Regno dei cieli.

Dobbiamo dircelo fin d’ora: non potremo svolgere la Missione Popolare nelle nostre comunità come se nulla fosse successo. Non potremo ignorare le molteplici esperienze umane, soprattutto quelle contrassegnate dal dolore e dalla sofferenza che i mesi del lockdown hanno causato.

In questi mesi tanti si sono lasciati interpellare dall’evento inatteso del coronavirus. È emersa forte una domanda di senso sulla vita alla luce delle necessarie limitazioni di libertà imposte dai governi, dei tanti morti e contagiati, soprattutto tra le persone anziane e ammalate, delle conseguenze prodottesi nell’ambito del mondo del lavoro e dell’economia in generale. Così le Missioni Popolari, che dovremo realizzare, non potranno eludere questo tempo già storico per la dimensione universale della pandemia e per gli effetti socio-economici che si stanno evidenziando nella vita di tutti i popoli.

Se è vero che l’annuncio del vangelo trova ostacoli nel nostro contesto sociale per alcuni aspetti culturali che rendono difficile l’azione evangelizzatrice della Chiesa, come il venir meno del senso cristiano dell’esistenza, l’abbandono della pratica religiosa, l’indifferenza per tutto ciò che è spirituale, è altrettanto significativo, o potrebbe diventarlo, che questo tempo inatteso e sofferto, messo sotto scacco da un virus misterioso, può rappresentare un’occasione per ridire Dio al cuore della gente; per raccontare con passione il suo amore, il suo essere dono di riconciliazione e di salvezza per tutti.

Sì, l’annuncio di Cristo e del suo vangelo può essere una scossa per chi avverte la drammaticità di ogni tipologia di male e l’incapacità dell’uomo di offrire una soluzione definitiva alla sua sconfitta.

La Missione può raccontare, attraverso la fede dei missionari e di tutti voi che già sperimentate la bellezza di credere nel Dio cristiano, la forza che viene dalla testimonianza del Risorto come risposta al bisogno di tanti fratelli e sorelle di essere tirati fuori dal non senso della vita, dalle tante situazioni di male, morale o altro, dalla disperazione o da altre forme di depressione o di incapacità nell’affrontare le difficoltà che la vita pone lungo il cammino di ogni persona.

La Missione Popolare può essere un’opportunità per tutti voi di Borno, Lozio, Ossimo per ricevere risposte di senso alle domande più profonde della coscienza, quella coscienza che si desta dal torpore quando è assalita da mali improvvisi, come sta avvenendo con la pandemia per coronavirus.

Una grazia, la Missione Popolare, che merita un’appassionata attesa. Anche se lunga.

I Missionari OMI di Passirano
p. Alberto, p. Dino, p. Natalino


Estate 2020


bibbia
LA BIBBIA: I LIBRI STORIC...

copertina cuntomela

copertina

don Andrea
RICORDANDO DON ANDREA

tutti gli articoli

 

Parrocchia San Giovanni Battista - Borno (BS)